NUTRIZIONE VEGETARIANA, ALIMENTI, EDUCAZIONE

Crucifere, un gioiello della natura
Luciana Baroni

Il termine "crucifere" o "brassicacee" identifica la vasta famiglia botanica a cui appartengono i cavoli, ma non solo.
Essa comprende infatti verdure come cavolfiore, cavolo cappuccio, cavolo verza, cavolo nero, cavolo rosso, cavolo riccio, cavolini di Bruxelles, broccoli, cime di rapa, ma anche la senape, il ravanello e la rucola.

Osteoporosi: luce solare, cibi vegetali e calcio
Luciana Baroni

L’osteoporosi, la malattia delle ossa fragili, è una condizione patologica che rende l’osso assai vulnerabile a traumi di modesta entità; questi, seppur minimi, causano fratture che frequentemente interessano vertebre, femore e polso.

Lampone
Vincenzino Siani

Arbusto della Famiglia delle Rosacee, il lampone (Rubus idaeus) è pianta originaria dell'Europa continentale e dell'Asia Minore.

Pinoli
Vincenzino Siani

Originario delle regioni mediterranee dell’Europa meridionale e delle zone costiere dell’Asia minore, Pinus pinea è oggi specie diffusa in quasi tutta l’Europa centro-meridionale.

Mandorle
Vincenzino Siani

Il mandorlo (Prunus dulcis (Mill.) D.A.Webb) è una pianta della famiglia delle Rosaceae; la mandorla è il suo seme commestibile.

Nocciole
Vincenzino Siani

Le nocciole sono il seme del nocciolo (Corylus avellana L., 1753), pianta appartenente alla famiglia delle Betulaceae.

Cotogna
Vincenzino Siani

La Cotogna è il frutto del Cotogno (Cydonia oblonga), arbusto della famiglia delle Rosaceae.

I semi e la storia dell'uomo
Vincenzino Siani

Il cibo, in senso lato, è il mezzo tramite il quale i viventi fanno propri gli elementi naturali con cui formare molecole, tessuti e organi seguendo le modalità dettate dal codice genetico.

Kamut ovvero il grano orientale
Valentina Bianchella

La specie Triticum turgidum è comunemente chiamata grano orientale o khorasan e impropriamente kamut, in quanto nello specifico la parola “kamut” non è il nome di un grano, ma un marchio commerciale.

Le spezie della salute
Antonella Canini

Ippocrate e Galeno, grandi figure della medicina antica, pensavano che vi fosse una stretta relazione tra alimentazione e malattia. "Il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo" affermava Ippocrate circa 2500 anni fa; Galeno (129-199 d.C.), medico greco e seguace degli insegnamenti di Ippocrate, prescriveva diversi alimenti tra cui l’orzo perlato, il latte e varie verdure per il trattamento del cancro.

Nice to mee(a)t you
Vincenzino Siani

Recentemente ho deciso di spolverare il mio povero inglese, abbandonato, ahimè, da tempo e perciò ridotto un disastro.

Pagina 7 di 7