NUTRIZIONE VEGETARIANA, ALIMENTI, BISTRÒ

Il Nespolo del Giappone e i suoi frutti
Vincenzino Siani

Il Nespolo del Giappone è originario dell’Estremo Oriente; anche oggi in Cina, in Giappone e in India è molto diffuso, sia come albero da frutto, sia come pianta ornamentale, sia allo stato selvatico.

Il pecorino romano
Anna Rosa Pretaroli

“Meditava Paracelso sul prodigio del liquido bianco che si trasformava in solido: il latte, soluzione informe, maturando e calmando, veniva catturato e modellato in forme simboliche.

Grassi
Vincenzino Siani

Carbonio, Idrogeno e Ossigeno sono gli elementi costitutivi dei Grassi o Lipidi.

Diete vegetariane: la Posizione SINU sullo Zinco
Vincenzino Siani

Nel modello alimentare italiano la popolazione onnivora assume più della metà dello zinco consumando alimenti di origine animale; tuttavia anche i prodotti di origine vegetale (cereali, verdure, frutta, patate e tuberi, legumi) contribuiscono in modo rilevante, con circa il 40% del totale.

Il Prezzemolo
Vincenzino Siani

Il Prezzemolo (Petroselinum crispum (Mill.) Fuss, 1866) è pianta biennale originaria dell’ambiente mediterraneo dove cresce spontaneamente dalla primavera all’autunno.

Diete vegetariane: la Posizione SINU su Calcio e Vitamina D
Vincenzino Siani

Alcuni tipi di verdura, legumi, frutta secca e semi oleaginosi contengono buone quantità di calcio, anche se la biodisponibilità di questo minerale è inversamente proporzionale al contenuto di ossalati e fitati nell’alimento.

Diete vegetariane: la Posizione SINU sulla Vitamina B12
Vincenzino Siani

I vegetariani che limitano o escludono alimenti contenenti vitamina B12 metabolicamente utilizzabile dall’organismo sviluppano una compromissione dello stato nutrizionale per la vitamina B12 indipendentemente da caratteristiche demografiche, luogo di residenza, età e tipo di dieta vegetariana.

Diete vegetariane: la Posizione SINU sulle Proteine
Vincenzino Siani

Dalla revisione della letteratura risulta che l’apporto proteico nei vegetariani è adeguato al fabbisogno e congruo con le raccomandazioni nazionali e internazionali, anche se risulta inferiore rispetto a quello della popolazione generale.

Pagina 5 di 9