"FRAMMENTI E COLLAGE"

di Vincenzino Siani

Il frammento racconta la nostra esperienza del mondo, è la lingua di sogni e memorie; su collage di frammenti edifichiamo saperi, immaginiamo mitologie, integriamo emozioni.
Per frammenti e collage viaggeremo fra scienze naturali, cibi e nutrizione, ecologia e sport, libri, musica e altro ancora: insomma, attraverso la vita e i modi con cui è solita travolgerci e stupirci.


 

L’attimo che fugge. Proust, Renoir, La Grenouillère

Quella festa in riva al fiume aveva qualcosa di magico. L’acqua, i vestiti delle donne, le vele delle barche, i riflessi innumerevoli degli uni e delle altre si fondevano in quel quadrato di pittura che Elstir aveva ritagliato da un pomeriggio meraviglioso.

CARNE

L’ottanta per cento della diversità biologica, oggi espressa nella immane varietà di forme viventi e che si esprimerà in futuro negli organismi che popoleranno il pianeta, abita la profondità delle foreste.

BOCCACCIO E LA PESTE DI FIRENZE

Dico adunque che giá erano gli anni della fruttifera Incarnazione del Figliuolo di Dio al numero pervenuti di milletrecentoquarantotto, quando nell’egregia cittá di Firenze, oltre ad ogni altra italica nobilissima, pervenne la mortifera pestilenza, la quale o per operazion de’ corpi superiori o per le nostre inique opere da giusta ira di Dio a nostra correzione mandata sopra i mortali,  

THE SNOW MAN

L’inverno sospeso; fra rami di pini incrostati di neve, ginepri arruffati in cristalli di ghiaccio, il luccichio del sole lontano sugli abeti, il suono dolente del vento che soffia sulle poche foglie di alberi spogli e si estende alla terra gelata, percepito nel niente da chi, egli stesso, è niente. L’incanto della poesia di Wallace Stevens.

CADE IL CREPUSCOLO, LA NOTTE INVADE IL CIELO

Uppsala; notte di vigilia. 
Nella ricca casa degli Ekdahl, l’intera famiglia è riunita intorno alla nonna Helena per festeggiare il Natale. Dopo cena, nottetempo, seduti in circolo nell’ampio salotto, le letture. 

PROGETTO SONNO

IL SONNO DELLA RAGIONE UNCONSCIOUS
Coreografie di Michele Moretti
Martedì 17 dicembre 2019, ore 16
MACRO ASILO, Stanza delle Parole,
via Nizza 138, Roma. Ingresso libero

PROGETTO SONNO

"Longtemps, je me suis couchè de bonne heure". La conferenza di Vincenzino Siani si terrà martedì 10 dicembre, alle ore 15, presso il Macro Asilo di Roma, via Nizza 138. L'ingresso è libero.

PETROLIO

Resti organici di immense foreste, degradati e accumulati nel ventre del pianeta a costituire depositi immani e silenti di idrocarburi, attendevano la creatura naturale che dopo 400 milioni di anni li riportasse in superficie, alla luce del sole, fonte della loro lontana origine organica; aspettavano l’uomo per abbandonare le profondità della crosta terrestre, raggiungere la biosfera e, bruciati, innalzarsi nell’aria e tornare in diversa veste a incidere sugli equilibri naturali. 

PROGETTO SONNO

"Il sonno malato e i disturbi del sonno come rilevatori di malattie". La conferenza di Lino Nobili si terrà martedì 5 novembre, alle ore 15, presso il Macro Asilo di Roma, via Nizza 138. L'ingresso è libero.

E' TROPPO TARDI?

La Terra, prima di noi, esisteva già da miliardi di anni. La vita è nata e, nel tempo, si è evoluta, sviluppata, irradiata, colonizzando l’intero pianeta tra catastrofi e provvisori equilibri.

L'INIZIO DELL'ANTROPOCENE

L’attuale crisi ambientale è conseguenza della crescente concentrazione atmosferica di gas serra prodotti dalle attività umane. 
Da quando le azioni dell’uomo hanno innescato tali processi? Quando ha avuto inizio l’Antropocene?

ANTROPOCENE

"Antropocene" è il nome che il chimico Paul Crutzen, premio Nobel 1995, propose nel 2002 per l’epoca geologica (la nostra, l’attuale) in cui gli effetti delle azioni umane hanno fortemente alterato i caratteri fisici, chimici e biologici dell’ambiente terrestre.

L'AMAZZONIA BRUCIA

Sembra un incubo. Non si può credere che l’uomo possa concepire di dar fuoco alla Foresta Amazzonica per tornaconto proprio e dei suoi accoliti, effetto più o meno lontano di un mandato popolare. 

UN LUNGO RAGIONAMENTO

Un mio caro amico, collezionista di libri antichi sulla montagna (sulle montagne piemontesi, in particolare e, per ragioni di cuore, sul prediletto Monte Rosa) mi ha, recentemente, messo a disposizione uno dei suoi preziosi libri perché, trattando un argomento legato alla medicina, potessi esprimere un mio parere su un antico avvenimento riportato nel testo.

NOA

“A lungo ho pensato se condividere questo ultimo post. Forse sembrerà inaspettato, ma questo è un progetto che ho da molto tempo, non è una decisione d’impulso.

Marcel e la lettura

L’adolescenza, Combray, la lettura…”steso sul mio letto con un libro in mano, nella mia camera che, tremando, proteggeva dal sole del pomeriggio la sua freschezza fragile e trasparente dietro le imposte semichiuse dalle quali un riflesso del giorno era tuttavia riuscito a far filtrare le sue ali gialle che giacevano immobili tra legno e vetro, in un angolo, come una farfalla posata”.

La Grande Guerra

Ricorre quest’anno il centenario della fine della Grande Guerra: il 4 novembre 1918 tacquero le armi su tutti i fronti della Prima guerra mondiale.

La povertà, la fame e il futuro

La sicurezza alimentare esiste quando tutti gli esseri umani hanno, in qualsiasi momento, un accesso fisico ed economico a una alimentazione sufficiente, sana e nutriente, permettendo loro di soddisfare le loro necessità energetiche e le loro preferenze alimentari per poter condurre una vita sana e attiva.
(Vertice mondiale per la sicurezza alimentare. Roma, 1996)

Pagina 1 di 3