• SPORT, WELLNESS
  • 22 Marzo 2017

    Qualche dritta per riprendere a muoversi

    E' risaputo che esiste un rapporto stretto fra pratica sportiva amatoriale e stato di salute: l'esercizio ...

     

    incrementa la forma fisica e tempera il naturale decadimento delle funzioni fisiologiche e cognitive legato all’avanzare dell’età. Lo sostengono innumerevoli studi.

    In Primavera molti decidono di “fare sport”, vuoi per smaltire qualche chilo di troppo, vuoi, più semplicemente, per migliorare la propria forma fisica e, così, sentirsi meglio.

    Quanti buoni propositi abbiamo visto fallire in breve tempo? Moltissimi. Anche i nostri.

    C’è qualche consiglio che possa aiutarci a realizzare i nostri programmi, a potenziare le nostre motivazioni, a impartire nuovi slanci alle nostre pigre volontà?

    Certamente si: per accrescere la nostra compliance, cioè la nostra capacità di aderire alle decisioni prese, possono essere preziosi alcuni suggerimenti di carattere comportamentale.

    Elenchiamone alcuni:
    1. Poniti un obiettivo che tu sia in grado di raggiungere. Decidere ad esempio di esercitarsi per un’ora 4 o 5 o 7 giorni a settimana significa farsi del male, partire male: probabilmente si rivelerà presto un obiettivo troppo pretenzioso, che è facile disattendere. Conseguenze: sensazione di aver rotto un impegno preso con sé stessi e abbandono dell’intero programma. Meglio iniziare con 2 o 3 sedute settimanali: è più semplice realizzarle e, inoltre, si da modo a un organismo reduce da un periodo più o meno lungo di inattività di disporre dei tempi necessari al recupero di microtraumi e affaticamenti muscolari che, fatalmente, si presentano con la ripresa dell’esercizio.
    2. Fa una ricognizione degli ostacoli che si frappongono fra te e l’esercizio e cerca di risolverne le varie problematiche.
    3. Prepara la borsa dello sport la sera prima e mettila accanto alla porta di casa. Tale misura avrà il sapore di ribadire un patto sottoscritto; renderà quasi automatico, il giorno dopo, prendere la borsa e andare ad allenarsi.
    4. Pianifica le sedute di lavoro per l’ora in cui ti senti più attivo e ricco di energia.
    5. Organizza le tue sedute atletiche sempre alla stessa ora, in modo che possano diventare un’abitudine.
    6. Scegli un’attività che ti faccia sentire felice e sicuro di te: ciò potenzierà le tue motivazioni e allontanerà il rischio di abbandono.

    Insomma, muoversi sia un’occasione gioiosa e divertente, ben incastonata nel tempo di cui disponiamo: solo così potremo trarre dalla fatica, imprescindibile, quelle positività che si rifletteranno sulla nostra salute e sul nostro modo di essere e sentire.

    IMG 0695