PETROLIO
Vincenzino Siani

Resti organici di immense foreste, degradati e accumulati nel ventre del pianeta a costituire depositi immani e silenti di idrocarburi, attendevano la creatura naturale che dopo 400 milioni di anni li riportasse in superficie, alla luce del sole, fonte della loro lontana origine organica; aspettavano l’uomo per abbandonare le profondità della crosta terrestre, raggiungere la biosfera e, bruciati, innalzarsi nell’aria e tornare in diversa veste a incidere sugli equilibri naturali. 

PROGETTO SONNO
Vincenzino Siani

Cosa sono i sogni? Francesca Siclari parlerà delle recenti acquisizioni scientifiche sul mondo dei sogni, sull'attività onirica. L'appuntamento è per martedì 22 ottobre, alle ore 15, presso il Macro Asilo di Roma, via Nizza 138. L'ingresso è libero.

E' TROPPO TARDI?
Vincenzino Siani

La Terra, prima di noi, esisteva già da miliardi di anni. La vita è nata e, nel tempo, si è evoluta, sviluppata, irradiata, colonizzando l’intero pianeta tra catastrofi e provvisori equilibri.

L'INIZIO DELL'ANTROPOCENE
Vincenzino Siani

L’attuale crisi ambientale è conseguenza della crescente concentrazione atmosferica di gas serra prodotti dalle attività umane. 
Da quando le azioni dell’uomo hanno innescato tali processi? Quando ha avuto inizio l’Antropocene?

ANTROPOCENE
Vincenzino Siani

"Antropocene" è il nome che il chimico Paul Crutzen, premio Nobel 1995, propose nel 2002 per l’epoca geologica (la nostra, l’attuale) in cui gli effetti delle azioni umane hanno fortemente alterato i caratteri fisici, chimici e biologici dell’ambiente terrestre.

L'AMAZZONIA BRUCIA
Vincenzino Siani

Sembra un incubo. Non si può credere che l’uomo possa concepire di dar fuoco alla Foresta Amazzonica per tornaconto proprio e dei suoi accoliti, effetto più o meno lontano di un mandato popolare. 

UN LUNGO RAGIONAMENTO
Vincenzino Siani

Un mio caro amico, collezionista di libri antichi sulla montagna (sulle montagne piemontesi, in particolare e, per ragioni di cuore, sul prediletto Monte Rosa) mi ha, recentemente, messo a disposizione uno dei suoi preziosi libri perché, trattando un argomento legato alla medicina, potessi esprimere un mio parere su un antico avvenimento riportato nel testo.

NOA
Vincenzino Siani

“A lungo ho pensato se condividere questo ultimo post. Forse sembrerà inaspettato, ma questo è un progetto che ho da molto tempo, non è una decisione d’impulso.

Marcel e la lettura
Vincenzino Siani

L’adolescenza, Combray, la lettura…”steso sul mio letto con un libro in mano, nella mia camera che, tremando, proteggeva dal sole del pomeriggio la sua freschezza fragile e trasparente dietro le imposte semichiuse dalle quali un riflesso del giorno era tuttavia riuscito a far filtrare le sue ali gialle che giacevano immobili tra legno e vetro, in un angolo, come una farfalla posata”.

La Grande Guerra
Vincenzino Siani

Ricorre quest’anno il centenario della fine della Grande Guerra: il 4 novembre 1918 tacquero le armi su tutti i fronti della Prima guerra mondiale.